• export.1.1440813.jpg--

    Ostia. Anitori: basta riempirsi bocca con legalità. Ancora ferma ‘Cittadella giustizia’

    “In questi giorni in tanti su Ostia si riempiono la bocca di legalità, sicurezza e contrasto alla mafia ma la verità è che nei fatti si è fatto poco per contrastarla in maniera efficace. Basti pensare che qui manca la sede del Tribunale di Pace e la Polizia Municipale è ospitata in una struttura inadeguata”.

    A dirlo la senatrice di Alternativa popolare-Centristi per l’Europa, Fabiola Anitori, protagonista dal 2013 in una personale battaglia per l’istituzione di una ‘Cittadella della Legalità’, fatta di interrogazioni ed interventi diretti presso il Commissario prefettizio di Ostia ed il ministero della Giustizia, che solo nello scorso settembre è giunta ad un punto di svolta con la firma del protocollo d’intesa tra Regione Lazio, Comune di Roma e Ministero della Giustizia per la destinazione dell’ex Gil a sede del Tribunale di Ostia e della Polizia municipale.

    “Risale al 2014 – spiega la senatrice Anitori – il decreto in cui era prevista l’istituzione di una sede autonoma dell’Ufficio del giudice di pace ad Ostia, e se tutti i protagonisti, in particolare il Comune di Roma, avessero fatto la loro parte già nel settembre del 2015 la città avrebbe potuto avere il suo presidio di legalità. Invece ci sono voluti ben tre anni anche se finora di concreto non si è visto nulla. Infatti, era previsto a seguito della firma del Protocollo d’intesa l’adeguamento e l’operatività della sede provvisoria del Giudice di Pace, individuata nei pressi di Piazza Capelvenere, ad Acilia, in un periodo massimo di cinque mesi, considerato che ci vorranno almeno 500 giorni per la ristrutturazione degli immobili dell’ex GIL. Fino ad oggi non sono ancora iniziati i lavori di manutenzione e adeguamento dello stabile individuato come sede provvisoria”.

    “Quindi, vanno bene le manifestazioni, come quella di oggi, e l’impegno civico, ma la lotta all’illegalità e alla mafia si fa attraverso gli atti concreti e le iniziative capaci di creare le condizioni sul territorio per resistere alla criminalità. Per questo auspico, che quanto sta accadendo ad Ostia sia da stimolo ulteriore per consentire la realizzazione di quella ‘Cittadella della Giustizia’ che rappresenterebbe un importante segnale di speranza e di rilancio per i tanti cittadini onesti”, conclude la senatrice di Ap.

  • dibiagio

    IUS SOLI. DI BIAGIO: ERRORE EQUAZIONE CON EMERGENZA MIGRANTI

    “Continuare ad accostare lo ius soli all’emergenza migranti etichettandolo come un stimolo capace di incrementare gli arrivi sulle nostre coste pecca di superficialità e di generalismo che data la delicatezza dell’argomento, sarebbe il caso di superare in nome di una buona politica, da tutti auspicata ma che su questi temi continua a latitare. Il populismo continua ad andare a braccetto con la trattazione parlamentare della legge ignorando che questo modus infierisce sulla credibilità della nostra Politica e sulla percezione della responsabilità politica che dovrebbe collocarsi al di sopra di qualsiasi posizione o ideologia. Manca la consapevolezza che questa legge è figlia dei suoi tempi, e lo stato non può restare inerte dinanzi alle richieste di una società che chiede, si evolve e necessita di strumenti di coesistenza e di integrazione diversi e maggiormente idonei alle sue istanze, ignorare questo, polemizzando su temi che rappresentano una conquista di civiltà e di diritto, rappresenta la più bassa forma di sciacallaggio politico mai raggiunta nell’ultimo periodo”.

  • gentilepost

    AMMINISTRATIVE, GENTILE: A CATANZARO PER AP STRAORDINARIA TORNATA ELETTORALE

    “Con il ballottaggio di ieri si chiude una straordinaria tornata elettorale a Catanzaro per Alternativa popolare. Cinque consiglieri comunali eletti, una classe dirigente locale che dimostra il suo radicamento ma soprattutto che risulta decisiva per la vittoria finale con il suo 10 per cento di consensi. Di tutto questo va fatto un plauso al senatore Piero Aiello per il grande impegno e per la lucidità con cui ha condotto Ap in queste elezioni. Chiaramente questo risultato è un segnale per la Calabria, l’ennesimo, ed un invito a voltare pagina. La gente ha premiato un programma di governo serio ed è questo che oggi chiedono i cittadini. Bisogna partire dalle riforme, investendo nei settori produttivi e ad alta efficienza, riducendo gli sprechi e la burocrazia. Quello di Catanzaro è un voto di speranza e di fiducia. Altro che fine della politica, di questa ce n’è ancora tanto bisogno, ma purché sia seria e competente. Come ha dimostrato di esserlo Alternativa popolare”.

  • 32762-dibiagio22

    DISABILITA’. DI BIAGIO: A BRUXELLES INSIEME AI CAREGIVER, PER IMPEGNO PARLAMENTO UE SU TUTELE

    Avrà luogo oggi a Bruxelles presso la Commissione per le petizioni del Parlamento Europeo la discussione della petizione 0098/2015, con procedura d’urgenza, firmata da oltre 40mila cittadini e presentata dal Coordinamento famiglie disabili, sull’urgenza di riconoscere un piano di sostegno ai “caregiver” familiari che forniscono assistenza ai propri cari affetti da grave disabilità, in occasione della quale verranno auditi i firmatari della stessa. “Si tratta di una considerevole occasione per ribadire l’urgenza di rivoluzionare l’approccio al tema delle tutele dei caregiver, ora assolutamente assenti nell’ordinamento italiano e la situazione di impasse del disegno di legge in materia di tutele dei caregiver al momento in commissione lavoro al Senato, acuisce l’urgenza di veicolare la materia in sede europea al fine di individuare gli strumenti di intervento più adeguati e non più differibili per rettificare uno scenario di palese violazione di diritti umani che caratterizza il nostro Paese ormai da decenni, e dinanzi al quale lo Stato fa fatica ad intervenire adducendo la solita scusa della carenza di risorse. Spero che il passaggio al Parlamento Europeo sia uno sprono per riattivare l’attenzione in Italia su un tema che ci vede ancora una volta fanalino di coda dell’Europa e sono certo che il confronto di oggi sarà una valida premessa per il percorso di rettifica legislativa richiesto a gran voce da migliaia di cittadini.”

  • fabiola-anitori-fiducia-renzi-e1438162061596

    Giustizia. Anitori: via libera in deliberante ddl Ordini forensi. Introdotto principio quote rosa

    “L’approvazione oggi in Commissione Giustizia in sede deliberante del disegno di legge sull’elezione dei componenti dei Consigli degli Ordini circondariali forensi rappresenta un primo passo utile per la normalizzazione dell’attività e della vita di questi organismi. Perciò, auspico che adesso alla Camera dei Deputati si giunge rapidamente all’approvazione del ddl, così da consentire alla nuova normativa di entrare in vigore in tempi rapidi. Questo permetterà agli Ordini che erano stati sciolti, o era stati prorogati, o che si trovavano in una situazione di stallo in attesa delle nuove norme, di eleggere i propri rappresentanti così da poter lavorare nella pienezza delle proprie funzioni. Alternativa popolare ha contribuito in maniera importante alla redazione di questo testo e soprattutto nell’aver favorito l’inserimento del principio delle quote rose nell’elezione dei Consigli degli Ordini”. Lo dichiara la senatrice di Alternativa popolare-Centristi per l’Europa, Fabiola Anitori.

Pagina 1 di 31112345...102030...Ultima »