• marinello400

    Manovra. Marinello: stop aumento pensioni per lavori gravosi ha grande valore sociale

    “Dal governo è giunto un importante atto di giustizia sociale, che amplia la categoria dei cosiddetti lavori gravosi, esentando così dall’innalzamento dell’età pensionale a 67 anni gli operai dell’agricoltura, della zootecnia, i marittimi ed i pescatori dipendenti o costituiti in cooperativa. Si tratta di un riconoscimento dal grandissimo valore sociale, che viene incontro alle nostre richieste che da anni avevamo formulato. Non possiamo quindi che essere soddisfatti dalla decisione presa oggi dal governo”.

  • bonus-bebe-mamma-asilo-nido-domanda-inps

    L.Bilancio, Bianconi-Gualdani : Vinta battaglia su bonus bebè. Rifinanziato integralmente per tre anni

    “Siamo molto soddisfatti perché Alternativa popolare ha vinto la sua battaglia sul bonus bebè. Uscito dai radar della legge di Bilancio, invece sarà integralmente rifinanziato per il prossimo triennio”.

  • chiavaroli

    L. BILANCIO. CHIAVAROLI: NO TENSIONI, CI ASCOLTERANNO

    “Non vedo tensioni nella maggioranza, le nostre sono richieste ferme. Verremo ascoltati perche’ facciamo delle richieste di assoluto buonsenso”. Il rifinazanziamento del bonus bebe’ “lo riteniamo una priorita’ assoluta, siamo parte fondamentale della maggioranza, io sono certa che verremo ascoltati”. Lo dice Federica Chiavaroli, senatrice Ap e sottosegretaria alla Giustizia, interpellata dalla Dire, commentando le critiche del suo gruppo alla legge di Bilancio. “Questo e’ un paese che ha fortemente un problema di natalita’- continua- l’unica misura vera che avevamo fatto a favore della natalita’ non ha trovato copertura, noi chiediamo che venga rimessa, sono tutti d’accordo e sono certa che i soldi li troveremo”. Dopo la misura sull’equo compenso per i professionisti “approvata nel decreto fiscale grazie al contributo di Ap che l’ha sostenuta dall’inizio”, ora nella manovra “noi abbiamo due proposte sulla giustizia”, prosegue Chiavaroli “Una riguarda ancora i professionisti ed e’ una proposta per incentivare i giovani professionisti, visto che ci sono norme che agevolano le assunzioni da parte delle imprese noi vogliamo che i giovani possano scegliere consapevolmente di fare i professionisti e percio’ chiediamo che lo Stato si faccia carico del contributo minimo nei primi anni di attivita’”. Poi, insiste l’esponente di Ap, “abbiamo un’altra norma che riprendiamo dal processo civile ed e’ la misura con la quale rendiamo il rito piu’ agevole e che servirebbe molto per sveltire ulteriormente la giustizia civile”. Insomma, conclude, “speriamo che queste proposte vengano accolte, peraltro la giustizia civile era oggetto di una riforma che non siamo riusciti ad approvare, quindi speriamo se ne possa discutere”. (tratta da agenzia DIRE)

  • EF8B4715-69A4-4AE2-88B5-89ED84232F72_w650_r0_s

    Mladic: Di Biagio, sentenza giusta ora dar seguito risoluzione

    “Non c’è pace senza giustizia e oggi la sentenza dell’Aja rappresenta un atto di giustizia. La sentenza mette il punto su una pagina buia e dolorosa della storia recente, che trova nel genocidio di Srebrenica uno dei suoi eventi drammaticamente più simbolici. La condanna all’ergastolo del generale Mladic, incluso il riconoscimento del genocidio compiuto a Srebrenica che chiarisce chi fu l’aggressore e chi la vittima, rappresentava infatti un dovere per la comunità internazionale e in particolare per la comunità Europea, che oggi è più che mai è chiamata mantenere vivo il ricordo, premessa indispensabile per ragionare sul futuro dell’area balcanica. Il nostro impegno non si ferma qui ma deve proseguire per favorire quel processo di stabilizzazione dell’area che prevede un percorso ancora lungo. Anche l’Italia deve fare la sua parte in questo processo, iniziando dalla ratifica della Risoluzione del Parlamento europeo del 15 gennaio 2009 su Srebrenica che, nel proclamare l’11 luglio come giorno di commemorazione del genocidio di Srebrenica, sia l’occasione per favorire una memoria condivisa che lungi dal voler reiterare rancori, rappresenti lo strumento per alimentare e custodire il germe di una pace durevole la cui cura è affidata alle nuove generazioni”.

  • Foto1-e1474969457690

    L. BILANCIO. VICARI: EMENDAMENTO PER ECOBONUS SU EFFICIENZA IDRICA

    Un ecobonus per l’efficientamento idrico delle abitazioni private. E’ quanto prevede un emendamento, tra quelli segnalati di Ap, presentato dalla senatrice di Alternativa popolare-Centristi per l’Europa, Simona Vicari. “La gravissima emergenza idrica che abbiamo vissuto questa estate- spiega la senatrice- ha evidenziato ancora di piu’ che l’acqua e’ un bene prezioso che va tutelato. Allo stesso tempo pero’ ha anche indicato come su questo piano il nostro Paese sia indietro. Dalle strutture pubbliche a quelle private l’Italia manca di un modello sostenibile ed al passo con i tempi. Se poi a tutto questo aggiungiamo l’assenza di una cultura orientata ad evitare lo spreco di risorse idriche, abbiamo chiara la dimensione del ritardo del nostro Paese. Da qui- spiega- la necessita’ di un emendamento che, attraverso incentivi fiscali, porti ad intraprendere interventi di miglioramento delle strutture idriche all’interno dei singoli appartamenti”. Nello specifico la proposta prevede una “detrazione dall’imposta lorda per una quota pari al 55% degli importi rimasti a carico del contribuente, fino a un valore massimo della detrazione di 20.000 euro”. Mentre se si fa riferimento all’installazione di impianti di fitodepurazione, di sistemi di raccolta e utilizzo dell’acqua piovana e sistemi di depurazione di acque reflue “la detrazione e’ ripartita in dieci quote annuali di pari importo con un valore massimo della detrazione e’ incrementato a 80.000 euro”

Pagina 1 di 2712345...1020...Ultima »