Navigation

Il Nuovo Centrodestra assume tra i propri obiettivi fondamentali il superamento dell’anomalia giudiziaria che da vent’anni concorre a determinare instabilità istituzionale e inibizione a fare e decidere nella dimensione pubblica come in quella privata. In attesa di riforme profonde dell’ordinamento giudiziario, anche di tipo costituzionale, si segnalano oggettivamente tre emergenze.

La prima riguarda una più adeguata responsabilità civile dello Stato nei confronti delle vittime della cattiva amministrazione della giustizia, con conseguente rivalsa nei confronti dei magistrati quando venga riconosciuto il dolo o la colpa grave o l’errore manifesto. Lo dobbiamo fare perché ce lo chiedono non solo le persone e le imprese che avvertono l’irresponsabilità di molti comportamenti giudiziari ma ce lo impone ora anche la Corte di giustizia europea, con il pericolo di conseguenti sanzioni.

L’emergenza carceraria ha evidenziato tra l’altro come quasi metà della relativa popolazione sia in attesa di giudizio. Lo stesso Presidente della repubblica ha invitato ad una riforma della custodia cautelare, delle sue motivazioni e delle sue modalità.

Lo scandalo globale del datagate evidenzia ancor più in Italia, solo se si considerano le spese per intercettazioni, l’abuso ricorrente del diritto alla riservatezza delle persone. Un più rigoroso controllo sui gestori delle telecomunicazioni e una più efficiente regolazione devono ricondurre uno strumento pur necessario per le indagini connesse ai reati che generano maggiore allarme sociale entro limiti fisiologici.

Diciamo alla sinistra che almeno su questi tre punti non ha più alibi alcuno per opporsi ad interventi urgenti e mirati.

CONTRIBUISCI ALLA DISCUSSIONE, INVIACI UN TUO CONTRIBUTO SU QUESTO TEMA!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio